Traumi del collo e della laringe

La patologia traumatica della laringe e del collo comprende traumi esterni, interni e fonatori.

DESCRIZIONE E SINTOMATOLOGIA

Le contusioni sono lesioni che non presentano lacerazioni cutanee, rotture o lussazioni dello scheletro laringeo e sono caratterizzate da disfonia ed eventualmente dispnea in base a sede ed estensione dei fenomeni edematosi e /o emorragici.

Le lussazioni laringee sono dovute ad un trauma esterno e si associano a lacerazione dei legamenti e muscoli che fissano la laringe all’osso ioide o allo spostamento di una sola cartilagine. La più comune è la lussazione crico-aritenoidea. I sintomi sono dispnea, disfonia e disfagia dolorosa.

Le fratture dello scheletro laringeo sono spesso conseguenti ad incidenti stradali ed infortuni sul lavoro. La sintomatologia può variare in base a sede, estensione e caratteristiche delle lesioni e comprende grave dispnea, disfonia, disfagia dolorosa, otalgia, emoftoe, tosse e, per lacerazioni della mucosa laringea, enfisema cervicale sottocutaneo. Anche le ferite dovute all’azione di corpi contundenti, armi da taglio e da fuoco presentano gli stessi sintomi con gravità che dipende dall’entità della lesione.

Le lesioni da radiazioni per terapia fisica del cancro laringeo o del collo comprendono iperemia diffusa, edema cronico, necrosi di mucosa e pericondrio fino alla stenosi fibrosclerotica.

I traumi interni, infine, sono essenzialmente costituiti dal granuloma da intubazione come complicanza tardiva di una intubazione endotracheale durante un intervento chirurgico. Si caratterizza per la comparsa di disfonia che compare da qualche giorno ad alcuni mesi dall’intervento.

ESAMI DIAGNOSTICI

• Anamnesi ed esame obiettivo

• Laringoscopia con endoscopio

• Microlaringoscopia

• Valutazione foniatrica

• TC collo

TRATTAMENTO

In base alla gravità della lesione si può optare per il riposo vocale, analgesici e applicazione di borse del ghiaccio fino agli interventi chirurgici. Da valutare la necessità della tracheotomia.